Contatti

In caso di sinistro al tuo servizio 24 ore su 24!

Vista la rapida diffusione del coronavirus, Generali Svizzera estende il lavoro da casa

mar 6, 2020.

Per interrompere, per quanto possibile, la catena di infezione e ridurre il rischio di contagio, Generali Svizzera estende il già diffuso lavoro da casa. Vieta inoltre riunioni, eventi e corsi di formazione con più di 10 persone.

Generali Svizzera dà alla salute e alla sicurezza di collaboratori e clienti la massima priorità. Per questo motivo intende fare tutto il possibile per interrompere la catena di infezione e ridurre il rischio di contagio.

 

Generali Svizzera ha quindi predisposto un piano dettagliato con misure adeguate a proteggere tutti i collaboratori e i clienti e monitora e valuta costantemente la situazione.

 

Vista la rapida diffusione del coronavirus, ha deciso di introdurre a tappeto il lavoro da casa da lunedì 9 fino al 31 marzo 2020. Inoltre, non consentirà più lo svolgimento di riunioni, corsi di formazione ed eventi con più di 10 persone. Ricorrerà, in sostituzione, alle chiamate Skype. Fino a fine marzo non consentirà viaggi di lavoro all’estero e ridurrà al minimo indispensabile i viaggi in treno all’interno della Svizzera. Lavorerà da casa anche chi rientra da zone definite a rischio dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Generali Svizzera consiglia ai propri collaboratori di prendere seriamente le raccomandazioni sanitarie dell’UFSP. Con queste misure, Generali Svizzera potrà continuare a operare come d’abitudine.

 

Andreas Krümmel, CEO Generali Svizzera: «Prendiamo la situazione molto seriamente e facciamo appello alla responsabilità personale dei nostri collaboratori affinché osservino le misure che sono state comunicate e contribuiscano così a ridurre al minimo il rischio di contagio».

Download