Contatti

In caso di sinistro al tuo servizio 24 ore su 24!

Generali Svizzera assicura i rifugiati provenienti dall’Ucraina in qualità di persone appartenenti all’economia domestica

mar 18, 2022.

Generali Svizzera amplia la propria copertura assicurativa per la clientela che accoglie rifugiati provenienti dall’Ucraina nella propria economia domestica. A livello internazionale, Generali dona inoltre tre milioni di euro all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e avvia una campagna di raccolta fondi a favore di famiglie e bambini in Ucraina. 

La guerra in Ucraina sta costringendo molte persone alla fuga. Le persone in Svizzera stanno dimostrando una grande solidarietà e disponibilità ad aiutare. Molte di loro sono pronte ad accogliere rifugiati nelle proprie case. A questa situazione si accompagnano tuttavia anche delle incertezze. Alcuni, ad esempio, si chiedono se la copertura assicurativa cambierà dopo aver accolto rifugiati nella propria economia domestica.

 

La clientela che accoglie rifugiati dall’Ucraina nella propria economia domestica è tutelata in caso di eventuali sinistri

Generali Svizzera sostiene da subito con soluzioni semplici la clientela che accoglie rifugiati presso la propria economia domestica. Nell’ambito della responsabilità civile privata o dell’assicurazione per la mobilia domestica esistente, i rifugiati accolti beneficiano automaticamente della copertura in qualità di persone appartenenti all’economia domestica. Tale protezione si applica ai rifugiati provenienti dall’Ucraina. Generali Svizzera osserva e valuta costantemente la situazione e si riserva il diritto di apportare relativi adeguamenti. 

 

Il Gruppo Generali effettua una donazione all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR e collabora con l’UNICEF per aiutare le famiglie provenienti dall’Ucraina

Per fornire un supporto finanziario ai rifugiati, il Gruppo Generali ha istituito a livello internazionale un fondo di emergenza e ha donato all’UNHCR una somma pari a tre milioni di euro.

 

Tramite «The Human Safety Net», l’iniziativa sociale di Generali, la compagnia assicurativa ha inoltre dato vita a una campagna di raccolta fondi mondiale. Con le donazioni, Generali intende sostenere il lavoro dell’UNICEF a favore delle famiglie con bambini colpite dalla guerra in Ucraina. L’UNICEF sta predisponendo punti di contatto sicuri lungo i percorsi di fuga per fornire assistenza a famiglie e bambini. L’iniziativa ha l’obiettivo di offrire alle famiglie spazi sicuri in cui i bambini possano ricevere protezione nonché sostegno psicologico e materiale.

 

Tramite il portale delle donazioni, Generali garantisce che gli aiuti arrivino a destinazione, a beneficio dunque delle famiglie e dei bambini colpiti. Generali raddoppierà ogni donazione con un importo di pari valore.

A PROPOSITO DI GENERALI

Generali è un gruppo italiano indipendente con una forte presenza a livello internazionale. Fondata nel 1831, Generali è una delle compagnie di assicurazioni leader a livello mondiale. Generali è presente in 50 paesi, dà lavoro a circa 72 000 dipendenti e conta più di 65,9 milioni di clienti. Nel 2020 il fatturato complessivo del Gruppo è ammontato a oltre 70,7 miliardi di euro. Generali è pertanto leader di mercato nell’Europa occidentale. Ma sta guadagnando terreno anche nell’Europa orientale e centrale come pure in Asia.

 

In Svizzera le radici di Generali risalgono al 1887. Oggi Generali (Svizzera) Holding SA ha due sedi principali ad Adliswil e a Nyon e una vasta rete di agenzie in tutta la Svizzera. La compagnia ha più di un milione di clienti e propone prodotti per qualsiasi situazione della vita, tra cui assicurazioni di cose, di protezione giuridica e sulla vita, come pure soluzioni previdenziali. Generali sviluppa prodotti innovativi in collaborazione con startup. In qualità di prima assicurazione svizzera, l'azienda ha lanciato un pilastro 3a completamente digitale.

Download