Contatti

In caso di sinistro al vostro servizio 24 ore su 24!

Il regime dei beni in Svizzera

e la sua importanza nel matrimonio

Il regime dei beni tra coniugi regola l’appartenenza dei beni dopo il matrimonio e la suddivisione del patrimonio alla morte di uno dei coniugi. Rappresenta quindi la base per procedere alla ripartizione dei beni dopo il decesso.

Attualmente in Svizzera si applicano 3 regimi diversi:

  • regime ordinario (partecipazione agli acquisti)
  • comunione dei beni
  • separazione dei beni

 

Partecipazione agli acquisti

Il regime della partecipazione agli acquisti comprende i beni propri e quelli acquisiti durante il matrimonio. Questa distinzione delle componenti patrimoniali è determinante in caso di scioglimento del matrimonio, a seguito di divorzio o di decesso del coniuge. I beni propri comprendono le componenti patrimoniali possedute già prima del matrimonio o acquisite durante il matrimonio in virtù di donazioni o eredità. Ai beni propri vanno ad aggiungersi gli oggetti personali di un coniuge, come capi di abbigliamento od oggetti di uso quotidiano. Gli acquisti comprendono tutti gli altri valori patrimoniali, come i redditi da attività lucrativa e da capitale che non sono stati utilizzati per le spese di sostentamento quotidiane. I redditi prodotti dalla gestione del patrimonio facente parte dei beni propri rientrano negli acquisti dei coniugi.

 

Comunione dei beni

Per la comunione dei beni è necessario sottoscrivere una convenzione matrimoniale. Se nella convenzione non è stabilito quali valori patrimoniali ricadono nei beni propri, l’intero patrimonio dei coniugi viene ascritto ai cosiddetti beni comuni. In caso di decesso di un coniuge, l’intero patrimonio dei coniugi viene computato in capo al partner superstite. In caso di divorzio, ciascun coniuge rientra in possesso dei valori patrimoniali che nel regime della partecipazione agli acquisti sarebbero considerati beni propri. Il resto viene suddiviso in parti uguali.

 

Separazione dei beni

Come si ricava dalla denominazione di questo regime, scelto mediante convenzione matrimoniale, sono previsti unicamente beni propri. In caso di scioglimento del matrimonio in seguito a divorzio o di decesso i rispettivi valori patrimoniali rientrano al 100% in possesso di ciascun coniuge o vanno ai suoi eredi.

 

Beneficio massimo del coniuge superstite

Tramite convenzione matrimoniale, i coniugi possono concordare che al partner superstite vada l’intero patrimonio degli acquisti. Se nella convenzione si è stabilito di non far confluire i beni propri nel matrimonio, in caso di decesso il coniuge superstite ottiene tutti gli acquisti e i figli ereditano il rimanente patrimonio solo dopo il decesso del secondo genitore.

 

Domande sul pensionamento e sul regime dei beni? Presso il Centro per la pianificazione pensionistica CPP lavora un team di esperti abituati a confrontarsi ogni giorno con le tematiche legate alla previdenza. Sono sempre disponibili a condividere le proprie conoscenze e a offrire una consulenza completa. Contattate il CPP, gli esperti sono a vostra disposizione.